E ritonfa!

Singolare questa vicenda del salario accessorio dei dipendenti comunali sospeso per una relazione del MEF e nell’attesa di una delibera della Corte dei conti. Ricorda stranamente quello che hanno vissuto i dipendenti universitari e le scuse addotte dal sindaco e dalle formazioni politiche (sic!) che lo sostengono sono identiche a quelle democristiche del buon Riccaboni e della badante Fabbro. Naturalmente si guardano bene di rifarsi sui dirigenti che hanno distribuito quattrini a pioggia e a pene di segugio. No! Se la rifanno con incolpevoli dipendenti come se il danno erariale fosse da attribuire a loro invece che, come da legge, alle persone che hanno la responsabilità della firma degli accordi sindacali. Ancora una volta se la rifanno sui poveracci e sollevano dalle responsabilità chi porta sulla coscienza ogni genere di colpa: politica, amministrativa, erariale. O bravi! Ci raccomandiamo di continuare a votare questa gente perché evidentemente vi serve in guanti bianchi.

Ad majora!

2 comments ↓

#1 clitofonte on 11.14.13 at 18:53

certo che vanno perseguiti i dirigenti! ma se i dipendenti hanno percepito indebitamente dovranno restituire o no?

#2 Shamael on 11.14.13 at 19:30

Certo che vanno restituiti! Diamine! Quando lo dice un magistrato, non il MEF o chi per lui. Un magistrato della Corte dei conti per esempio: fa una bella sentenza e ingiunge di restituire e sanziona per danno erariale i dirigenti. Semplice e pulito.

Leave a Comment