In quella facoltà non sfornano premi nobel ma società di ogni tipo. Università, banca ed enti locali. Per sbrogliare la matassa ci potrebbe aiutare il prof. Dringoli – Ovviamente avvisate la Guardia di Finanza di Siena e Arezzo e il generale Bottillo

Facciamo una premessa a beneficio dei lettori, del giornalista Peruzzi, dei magistrati e del generale Bottillo. Durante gli anni del barbaro dissesto di università, banca e fondazione MPS, la città era controllata dal groviglio e sempre durante questi anni molte persone hanno perso il lavoro, sono state emarginate, hanno subito di tutto (di tutto!!!) e molte di queste persone ricordano e leggendo i primi esiti delle inchieste e le intercettazioni comprendono chiaramente perché e come avvenivano certe azioni al limite della legalità sui luoghi di lavoro e nella vita privata di chi non faceva parte e non voleva far parte del groviglio e di quel sistema di degenerazione politica, gestionale e di un meccanismo dell’informazione subdolo e al servizio della banda dei dissestatori. E i blog sono fin troppo leggeri rispetto a certe persone che farebbero bene a smetterla di urlare scandalizzati per le notizie e per i commenti: troppo poco per i danni fatti e per le vigliaccate nei confronti di gente onesta. Fatta la premessa illustriamo l’ennesima versione del groviglio armonioso; l’illustrazione è a beneficio esclusivo della Guardia di Finanza di Siena, Arezzo e del generale Bottillo. Aprendo questo link http://www3.unisi.it/gits/Bacci.htm ci trovate i loghi dell’università di Siena e di banca MPS e il riferimento al famoso master GINTS (già attenzionato dalla Guardia di Finanza). Al centro ci trovate la foto del professore (siamo sicuri che è professore?) della facoltà di economia dell’università di Siena Alessandro Bacci e sopra il nome il riferimento alla società Telos Consulting http://www.telosconsulting.it/chi_siamo.html Subito alcune domande per stimolare l’attenzione della Guardia di Finanza: 1) Quanti soldi ha investito banca MPS nei vari master in collaborazione con la facoltà di economia di Siena e come sono stati utilizzati, soprattutto con riferimento ai compensi dei docenti dei master? 2) Esiste una legge molto chiara e quindi bisognerebbe verificare se tutti quei docenti universitari che hanno percepito o continuano a percepire compensi extra università (nello specifico da società) sono stati autorizzati dal cda dell’università (senza taroccare i verbali ci raccomandiamo su questo!!) Fine delle prime domande. Navigando nel sito della società scopriamo che tra i clienti della stessa ci sono Sienambiente SPA (presidente il piddino Fabrizio Vigni), Siena Parcheggi SPA e Unione comuni della Val di Merse; poi ci sono le autorità di bacino (su questo ci ritorneremo nella terza parte dell’articolo) http://www.telosconsulting.it/clienti.html Cliccando casualmente su google spuntano fuori anche alcuni nomi dei consulenti della società Telos consulting e oltre ad alcuni nomi di esponenti del PD e di qualche portavoce di campagne elettorali di ex sindaci, spunta anche il nome di un dirigente dell’Unione dei comuni della Val di Merse. Quindi dipendente del cliente e nel contempo consulente della società che offre consulenza al cliente stesso http://www.valdimerse.si.it/Main.aspx?ID=56 . E infatti Francesco Galgani dipendente dell’unione dei comuni Val di Merse su linkedin risulta essere consulente della Telos Consulting. Ritornando al professor Bacci Alessandro e alla collaborazione tra banca MPS e università in merito ai master e quindi cliccando su google scopriamo una coincidenza e forse non sono parenti o forse si: che il consulente della Telos Consulting e dipendente dell’unione dei comuni Val di Merse ha lo stesso cognome di una delle responsabili dell’area media di banca MPS. E sempre cliccando su google incrociando nomi di persone fisiche e società scopriamo che un certo Francesco Galgani era anche nel cda dell’aereoporto di Ampugnano e in quel momento la compagine societaria era così divisa (Monte Paschi Siena 10 %-Provincia di Siena 3,8 %-Comune di Siena 3,8 %-Camera Commercio di Siena 72,1 %-Aeroporto di Firenze 8,8 %-Comune di Sovicille 1,5 %). Indovinate un pochino a chi avevano affidato la gestione dell’ufficio stampa della val di Merse (forse ancora?):diamine, sempre alla solita agenzia Robespierre. Altre domande: 1) Perché abbiamo deciso di approfondire queste vicende? Risposta: perché qualcuna,non avendo ancora ben chiaro che il mondo post-dissesto non è lo stesso,continua con i soliti giochini per controllare le informazioni e offrire la sponda ai comunicatori organici al partito. 2) Come uscirne? Risposta: smettetela subito! 3) Chi le farà le verifiche su tutte queste consulenze con gli enti locali? Poteva mancare a questo punto il mitico abusivo Angelo Criccaboni? No. Questa vicenda di consulenze e di bacini idrici e della medesima società Telos Consulting ci riporta alle altre vicende (ci risulta che su queste c’è un esposto presso la procura di Arezzo); quelle vicende quando il Criccaboni frequentava assiduamente il polo aretino. E ovviamente il Criccaboni fa parte della stessa facoltà di Alessandro Bacci e di Lorenzo Frediani (vi ricordate della società Astrea e di quella famosa lettera firmata Criccaboni e Ines Fabbro?). E della stessa facoltà del Cricca e del Bacci fanno parte anche i due membri del cda di banca MPS Angelo Dringoli e Tania Groppi (precisiamo fin da subito che loro due con queste vicende non c’entrano nulla). Però a tal proposito il prof. Dringoli ci potrebbe aiutare, magari fornendo un amichevole consiglio a qualche comunicatrice che il tempo della politica in banca e della banca che aiuta la politica è finito. Punto. Rileggetevi attentamente questo vecchio articolo (soprattutto i nomi) e fate il confronto con i clienti della Telos Consulting http://shamael.noblogs.org/?p=6021 “Inoltre fanno tutti parte di Telos Consulting che aveva anche una convenzione col CRESCO proprio negli anni in cui il Cricca ne era presidente prima di lasciare la mano a Busco.” Invitiamo il generale Bottillo (in quanto il ministero “MIUR” di competenza per l’università ha sede a Roma) a leggersi attentamente questa ricostruzione documentata e a questo punto dopo anni di dissesto e giochini tra pochi amici e parenti sarebbe l’ora di circondarli e perquisire sia la facoltà di economia e gli uffici del rettorato e il polo aretino. O forse non è chiaro cosa hanno messo su questi signori?

p.s. Consiglio nostro: ritornate sui vostri passi, smettetela subito con questi giochini e confessate i vostri peccati.

2 comments ↓

#1 Sandra on 09.15.13 at 08:48

Una curiosità. Dopo le recenti vicende MPS, sapete dirmi chi sono gli altri Dell’ uff relazioni media MPS?

#2 Rassegna Stampa – Ancora un epistola per DON BRUNETTO da MONTERIGGIONI… | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA on 09.15.13 at 12:56

[…] In quella facoltà non sfornano premi nobel ma società di ogni tipo. Università, banca ed enti loc… […]

Leave a Comment