Scriviamo solo due righe e per oggi, proprio perchè siamo umani e rispettiamo il dolore altrui, osserveremo il silenzio dei saggi. La notizia del suicidio del capo della comunicazione di MPS David Rossi impone a tutti noi di riflettere una volta per tutte sul senso delle cose e sui limiti da non superare mai e poi mai nella vita. Non è il momento di dietrologie e non spetta a nessun commentatore fornire ipotesi sul tragico evento. Condoglianze ai familiari e rispetto umano per la tragedia. Comprendiamo lo sfogo emotivo di alcune persone, ma non accettiamo il vergognoso accostamento tra le critiche, anche dure, dei mesi scorsi da parte dei blogs nei confronti della gestione dell’area comunicazione gestita da Rossi con il tragico evento. Chi da ieri sera cerca di scatenare lo sciacallaggio mediatico contro i blogs e la rete oltre a non aver rispetto per la morte di una persona, dimostra di essere un vero sciacallo e un inquinatore di pozzi. Ripetiamo: comprendiamo le reazioni emotive, ma non sono ammissibili esternazioni del genere soprattutto da chi svolge il ruolo di giornalista. Qualcuno ha scritto che noi dobbiamo farci un esame di coscienza; e su cosa? Ma vergognatevi solo a pensarle certe bestialità. Chi invece deve farsi un esame di coscienza sono coloro che hanno costruito e diffuso il malaffare e un sistema marcio. Non strumentalizzate la morte e fermate la macchina delle cretinate.

15 comments ↓

#1 fidelio on 03.07.13 at 16:32

Fratello illuminato non ha davvero nulla da rimproverarsi. Il sistema-città è notoriamente marcio, e la pressione su chi è psicologicamente più debole (ma lo si scopre purtroppo troppo tardi) produce talvolta questi esiti tremendi. Ma solo ad esponenti del viscido groviglio può venire in mente che tutto si risolverebbe rinunciando al diritto-dovere di critica.

#2 Luana on 03.07.13 at 18:05

http://www.ilcittadinoonline.it/news/157825/Abbiamo_perso_le_parole____non_perdiamo_l_obiettivo.html

#3 Marco on 03.08.13 at 06:56

Eretico io non ci sto e m’incazzo. Prima di tutto attaccare i cd detti blog perlatro di quantita’ contenuta, e’ molto scorretto no e’ vergognoso. A Siena lo sanno anche i bambini dell’asilo che i giornali in particolare il giornaluccio del bisi oltre che non essere mai stati obiettivi e quindi non avendo mai e ri dico mai informato i cittadini circa la situazione reale della citta non hanno nemmeno permesso e consetito repliche dei cittadini incazzati circa le tristi vicende che hanno letteralmente sdraiato le ns citta’. Per esempio il giorno della convocazione del mussari in procura il giornaletto del bisi riportava in testata l’aggressione di un prete a san gimignano da parte di malviventi, E allora ? Come si suol dire chi va al molino s’ infarina e quindi e’ normale il fatto di criticare chi ha ricoperto o ricopre ruoli preminenti specialmente quando non sono ritenuti idonei a conferma basta guardarsi intorno. E domando a certi personaggi: si deve stare sempre zitti e subire soprusi ed angherie come avete fatto da 10 anni ad oggi? Ma se da un lato e’ quasi normale essere attaccati da parenti che ritengono di aver subito torti non e’ normale leggere le minacce come quelle fatte dal sig dergortes laddove vorrebbe spaccare il muso a tutti o almeno a tanti approvo un messaggio scritto ieri: degortes attento a non fare la fine dei pifferi di montagna che andarono a suonare e furono suonati.Camomillati e aspetta con serenita’ gli esiti delle indagini in corso……il tempo e’ galantuomo

#4 Filippo Rossi on 03.08.13 at 07:53

Minus habens,nella vostra profonda trasparenza,dove non traspare neppure il nome di chi scrive,perchè non avete postato il mio commento ,forse l’unico con nome e cognome reale?
Che c’era di sbagliato , la grammatica ?
Vi siete cacati nelle mutande per così poco,dai su ,voi siete il giusto , non siete di parte , non c’è nessuno che vi appoggia , si è prorprio così lo sanno tutti.
Ovvia ,buona giornata e più tardi un altro indovinello.

#5 Bastardo Senza Gloria on 03.08.13 at 09:16

Su cosa si poggia il declino inesorabile della città? Gli unici anonimi che hanno contribuito a questo sfascio sono quelli del groviglio armonioso.

#6 jacopo sordi on 03.08.13 at 11:48

Nel lontano 1991 , 22 anni fa, nella sua casa di Porto Santo Stefano Pietro Dalmazzi decise che la sua vita era arrivata al termine. Nella notte tra il 7 e l’ 8 Aprile ( il giorno del mio compleanno….che combinazione!!) all’età di 17 anni , Pietro non vedeva più futuro per sè stesso.
Io e Pietro eravamo compagni di squadra ma anche di stanza visto che , spesso, dormiva a casa mia.
Se il suicidio di un giovane 17enne riporta immediatamente al “disagio” giovanile: qual’è il messaggio che ci comunica il suicidio del Dr. David Rossi?
Il dolore dei familiari , dei colleghi,della Contrada e di tutti coloro che gli volevano bene è lo stesso dolore che ho provato 22 anni fa: una ferita dell’anima. E’ il dolore che trovolge tutto : non c’è ragione che tenga. Il dolore ti divora e chi soffre ha diritto al rispetto e al silenzio.
Questo tragico evento , tuttavia, rappresenta l’apice del collasso culturale e valoriale a cui ormai è esposta la società italiana e , nello specifico, la città di Siena.
Siena oggi è diventata un tritacarne in cui ODIO,INVIDIA, LIVORE ma SOPRATTUTTO INTERESSI ECONOMICI che hanno distrutto TUTTO: soprattutto quel tessuto di rapporti personali, nati in una città fondata sul mutualismo che legava famiglie e interi rioni in una assistenza reciproca per far fronte alle difficoltà quotidiane. Questa esperienza è stata fagocitata da un nuovo modello, presentato come “vincente”: lentamente il tessuto sociale della città è stato diviso, indebolito e ,addirittura,
smembrato, a sommo studio, per alimentare fazioni e/o lobbies che hanno avuto solo come uno scopo l’arricchimento e la sopraffazione morale e materiale della fazione perdente.
Incuranti di tutto ciò abbiamo spinto questo DEMONIO fino all’estrema conseguenza ovverosia fino a che il DEMONIO non ha preteso LA VITTIMA.
Oggi la tragedia è COMPLETA : una famiglia sconvolta dal dolore ed una città IMPOVERITA ed IMPAURITA.
Proviamo a fermarci, proviamo a ricominciare dal basso.
Ricostruiamo un tessuto sociale sano e poi il resto sarà facilmente sostenibile

#7 Rotto il silenzio sulla morte di David Rossi, riflettiamo su quel che si scrive | Il senso della misura on 03.08.13 at 14:37

[…] di Fratello Illuminato – Solo due righe… (Fratello Illuninato – Il blog, 7 marzo […]

#8 serenoedistaccato on 03.08.13 at 17:19

Se non ci fosse stata l’informazione addomesticata a guardia della cupola di potere non sarebbero esistiti i blog anonimi

#9 io on 03.08.13 at 22:17

Il vostro posto? Il vestibolo dell’Inferno di Dante, dove sono gli Ignavi, ma anche nella II bolgia del VIII cerchio e perché anche nella VII bolgia.
Siete un vergogna!!

#10 Shamael on 03.08.13 at 23:52

Buona giornata anche a te. I commenti li moderiamo ogni tanto perché abbiamo da fare altro. E comunque sì, la grammatica e la sintassi fanno cacare. Ma comprendiamo. Non c’è problema.

#11 Francesco Giusti on 03.09.13 at 13:23

Devo esprimere la mia solidarietà all’azione svolta da Fratello Illuminato, dall’Eretico e dal Gavinone per fare luce sulla situazione della nostra Città e perseguire la verità. Dare la colpa ai blogs del terribile fatto avvenuto a Siena è veramente assurdo e ridicolo. Così come l’azione della Magistratura nel perseguire la verità a Siena deve andare avanti, senza guardare in faccia a nessuno.

#12 http://www.totalita.it/articolo.asp?articolo=2828&categoria=5&sezione=30&rubrica= on 03.09.13 at 19:22

http://www.totalita.it/articolo.asp?articolo=2828&categoria=5&sezione=30&rubrica=

#13 http://www.ilcittadinoonline.it/news/157908/Stampa_scomoda_e_blogger_dissidenti__Il_potere_progetta_la_restaurazione.html on 03.09.13 at 19:48

http://www.ilcittadinoonline.it/news/157908/Stampa_scomoda_e_blogger_dissidenti__Il_potere_progetta_la_restaurazione.html

#14 Il Presidente del Collegio dei MM.VV. della Toscana ha dichiarato in Gran Loggia, non contraddetto dal Gran Maestro che ascoltava, che chi si rivolge alla magistratura dello Stato compie un atto eversivo nei confronti dell’associazione GOI. on 03.09.13 at 19:54

Il presidente dei MM.VV. della Toscana è proprio quel Stefano Bisi caporedattore del corriere di Siena.Il Presidente del Collegio dei MM.VV. della Toscana ha dichiarato in Gran Loggia, non contraddetto dal Gran Maestro che ascoltava, che chi si rivolge alla magistratura dello Stato compie un atto eversivo nei confronti dell’associazione GOI. http://massoneriaazzurra.org/?p=605

#15 cittadino senese per la giustizia on 03.10.13 at 16:54

La tragedia umana è sotto gli occhi di tutti, non possiamo più parlare senza considerare questo “peso” cioè il dramma di un uomo che muore! Allora almeno in questi momenti deve prevalere la pietà per il giovane DAVID che doveva restare nella nostra comunità senese! Approfittare di questo delicato momento per ingigantire l’odio cittadino,parlo delle presunte colpe morali dei vari blogg,è un’azione indegna! Il lutto e l’umana pietà è una cosa, la ricerca della verità è invece un diritto e un dovere in primis per rispetto di questa prima vittima (speriamo che tale rimanga) dell’esplosione del “sistema.Siena”.Non si penserà che il “sistema” stia esplodendo per gli anonimi vero? ps un invito dobbiamo farlo a tuttti, spesso l’anonimato è una forma di difesa dal “sistema” che ha potere per zittire il semplice cittadino però è indispensabile la MODERAZIONE E IL RISPETTO PER LE PERSONE: diritto di critica ma non diffamazione! Riportare fatti concreti, osservazioni, mai gossip da osteria!!

Leave a Comment