Perchè non lo chiudete direttamente il tribunale di Siena e accorpate gli uffici con Firenze: si risparmiano spese di gestione e i processi iniziano con celerità – La vergogna dei continui rinvii delle udienze – Ma i danni commessi alle casse pubbliche chi li paga?

Ma i giudici hanno il compito di garantire la certezza del raggiungimento delle responsabilità e sanzionare i responsabili o, come avviene da diverso tempo a Siena, rinviano le udienze di mese in mese  (e nemmeno un processo è partito)?

 Facciamo un lungo elenco tra inchieste durate un’eternità e udienze rinviate:

  • Processo incendio alla curia di Siena: assolto Acampa, le motizivazioni dell’assoluzione presentate in ritardo dal giudice Monica Gaggelli, poi la procura prepara il ricorso in appello contro l’assoluzione ma stranamente il fascicolo del ricorso dal tribunale di Siena non viene inviato a Firenze.

  • Inchiesta dissesto università di Siena avviata nel 2008, siamo nel 2013 e a tutt’oggi nemmeno un processo è iniziato. Addirittura in data odierna il giudice Ugo Bellini ha rinviato  l’udienza per decidere il rinvio a giudizio nel mese di maggio 2013. Insomma, come messaggio nei confronti della città e di chi ha subito i danni del dissesto da parte della magistratura è alquanto chiaro: noi rinviamo le udienze e non abbiamo fretta di sanzionare i responsabili. Praticamente alla prossima udienza gli avvocati della difesa chiederanno la prescrizione. VERGOGNA VERGOGNA!!!

  • Inchiesta gara Ampugnano. Anche in questo caso sempre il giudice Monica Gaggelli ha rinviato le udienze per decidere il rinvio a giudizio.

  • Inchiesta elezioni rettore università. Anche in questo caso il giudice Monica Gaggelli ha rinviato l’udienza per decidere il rinvio a giudizio.

Effettivamente di rinvio in rinvio i soliti dissestatori guadagnano tempo e continuano a mantenere posizioni di prestigio. Complimenti al giudice Monica Gaggelli e ai suoi colleghi per questi continui rinvii delle udienze. Che strano!!! Anche il giudice del lavoro Delio Cammarosano ha rinviato la sentenza sul ricorso dei lavoratori contro Criccaboni e Fabbro.
Del resto anche in procura hanno seguito con lentezza e distrazione le vicende universitarie e che strano: Criccaboni impelagato fino al midollo è sempre al suo posto; nemmeno un membro del cda dell’università che votava le porcate del dissesto è stato messo sotto inchiesta. Che strano!!!Ai tempi del faraone Piero Tosi la figlia di qualche magistrato però è stata assunta all’università e, che strano, fino alla caduta di Tosi mai nessun magistrato aveva aperto inchieste sul dissesto. Tutte coincidenze, state tranquilli. Chissà fin dove arriva il groviglio???? Chissà …..


In ogni caso anche la pressione della cittadinanza, come si può ben vedere dalla documentazione fotografica, non è che proprio sia così forte. Per non parlare della stampa cittadina che non si è nemmeno presentata. Per fortuna c’era Pamparana, può darsi che a forza di stare lì si renda conto della melma in cui cade tutto e ne faccia un minimo di comunicazione. Anche perché ci siamo resi conto che i giornalisti (quelli veri intendiamo, non i locali che fanno piasciare addosso dalle risate) quando le cose gliele spieghi, poi le pubblicano.

6 comments ↓

#1 http://www.ilcittadinoonline.it/news/157793/Facciamo_ancora_finta_che_non_sia_successo_niente__.html on 03.06.13 at 16:28

http://www.ilcittadinoonline.it/news/157793/Facciamo_ancora_finta_che_non_sia_successo_niente__.html

#2 http://www.ilcittadinoonline.it/news/157792/Buco_dell_Ateneo__ennesimo_rinvio.html on 03.06.13 at 16:34

http://www.ilcittadinoonline.it/news/157792/Buco_dell_Ateneo__ennesimo_rinvio.html

#3 http://ilsensodellamisura.com/2013/03/06/per-influenza-e-stata-spostata-ludienza-per-le-richieste-di-rinvio-a-giudizio-sul-dissesto-delluniversita-di-siena/ on 03.06.13 at 16:36

http://ilsensodellamisura.com/2013/03/06/per-influenza-e-stata-spostata-ludienza-per-le-richieste-di-rinvio-a-giudizio-sul-dissesto-delluniversita-di-siena/

#4 Francesco Giusti on 03.06.13 at 16:50

Grazie per la foto… come si vede la Lega c’era e ci sarà sempre, al fianco dei dipendenti dell’Ateneo… Fino alla libertà!

#5 luigi on 03.06.13 at 19:59

E’ prescrizione certa!!! Dall’-Aja all’ONU, gridare quanto sta accadendo a Siena!!

#6 Riflettere dopo la tragedia on 03.07.13 at 10:46

Al cospetto della morte di una persona il silenzio e il rispetto prima di tutto:per la vita finita tragicamente e per i familiari.Questa tragedia arriva nel pieno di una profonda crisi morale ed economica epocale per Siena.Guai a strumentalizzare la tragedia:guai!!Inorridisco leggendo le parole della Santanchè che accusa il tritacarne giudiziario per la morte di David Rossi; ma inorridisco anche leggendo le cretinate di coloro che tendono ad accusare i commenti e gli articoli di critica nei confronti di David Rossi come colpevoli che avrebbero indotto alla tragedia.Silenzio e rispetto per una morte tragica ma tanta compostezza nel rilasciare dichiarazioni pretestuose.

Leave a Comment