Corriere del Mezzogiorno: “Mussari indagato a Salerno con Morelli e l’ex sindaco di Siena Ceccuzzi – Finiti nell’inchiesta sul fallimento del gruppo Amato: finanziarono con 19 milioni ma non c’erano le condizioni”

SALERNO – Salerno come a Siena: il Montepaschi diventa un caso su cui indagare e in cui ricompaiono i nomi di chi, nella città del Palio, è ritenuto dai magistrati responsabile della bufera che si è abbattuta su una delle banche più antiche d’Italia. Il pubblico ministero di Salerno, Vincenzo Senatore, ha iscritto nel registro degli indagati l’ex presidente Mps Giuseppe Mussari, l’ex direttore generale dell’istituto di credito senese Marco Morelli, l’ex sindaco di Siena Franco Ceccuzzi e l’ex presidente della commissione Finanze del Governo Prodi, Paolo Del Mese. L’accusa è di concorso in bancarotta fraudolenta e la bancarotta, in questo caso, sarebbe stata commessa ai danni di una società che è già fallita e che ha già trascinato nel baratro giudiziario l’ex democristiano attualmente in carcere. La società è quella che gestiva lo storico pastificio salernitano della famiglia Amato e il nuovo filone di indagini, incentrato esclusivamente su Mps, nasce dall’inchiesta madre che vede a processo ventotto persone tra cui il presidente dell’ordine dei commercialisti Claudio Siciliotti.
LA STORIA – Tutto nasce da una cena, quella organizzata nel settembre del 2006 nella villa di Vietri sul mare del cavaliere Giuseppe Amato e di cui ha parlato ai magistrati e al nucleo di polizia tributaria (che ha condotto le indagini) lo stesso Paolo Del Mese. Sarebbe stato l’ex segretario Udeur (dimissionario dopo lo scandalo del crac Amato) ad invitare a Salerno Mussari e Ceccuzzi. Quella sera, sul terrazzo che affaccia sul mare della Costiera, c’erano anche il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, e il nipote dell’ex parlamentare, Mario Del Mese (che sono estranei alle indagini). Il progetto da presentare a Mussari era ambizioso: bisognava costituire una società immobiliare che avrebbe dovuto realizzare un complesso residenziale nell’area dove un tempo sorgeva il vecchio pastificio. La realizzazione sarebbe stata affidata all’archistar francese, Jean Nouvel, ma c’era bisogno di un finanziamento da parte di una banca disposta a investire e credere nel progetto, a differenza di quanto avevano fatto gli altri istituti di credito a cui si era rivolta la famiglia Amato ma senza successo. All’epoca Paolo Del Mese presiedeva la commissione Finanze e aveva ottimi rapporti con Mussari e Ceccuzzi. Tanto che riuscì a far inserire nella Finanziaria 2007 il decreto «salva contrade», che prevedeva l’esenzione dell’imposta sul reddito delle contrade e delle società di contrade del Palio. Franco Ceccuzzi lo ringraziò pubblicamente sul suo sito web.
SCAMBIO FAVORI – A Salerno, però, sarebbe stato il presidente Mps ad appoggiare il progetto Amato e, dicono gli inquirenti, con l’intermediazione dell’ex sindaco di Siena, che era anche componente della commissione Finanze presieduta dallo stesso Del Mese. Il 30 novembre 2006 fu costituita l’immobiliare Amato Re (l’operazione di spin off considerata «spregiudicata» dalla procura porterebbe la firma di Siciliotti). Qualche giorno prima, però, a Roma, nella sede del Monte dei Paschi si incontrarono Paolo Del Mese, Giuseppe Mussari, Marco Morelli, il cavaliere Amato e suo nipote. Dopo quell’incontro, Mps deliberò un finanziamento di 19 milioni a favore dell’Amato Re. L’immobiliare, frattanto, aveva acquistato il vecchio stabilimento del pastificio dalla società fallita Amato spa per venti milioni. La spa, però, era già al default finanziario, come, negli ultimi giorni, stanno ammettendo alcuni degli imputati del crac Amato. Tra questi l’avvocato Simone Labonia (ex presidente della municipalizzata del Comune di Salerno), che ha confessato di aver ottenuto incarichi presso vari istituti di credito grazie all’intercessione di Paolo Del Mese.

Angela Cappetta

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2013/22-febbraio-2013/monte-paschi-mussari-indagato-salernocon-morelli-ex-sindaco-siena-ceccuzzi-2114145338264.shtml

3 comments ↓

#1 Fratello Illuminato – Il blog » Corriere del Mezzogiorno: “Mussari indagato a Salerno con Morelli e l’ex sindaco di Siena Ceccuzzi – Finiti nell’inchiesta sul fallimento del gruppo Amato: finanziar... | Monte dei Paschi on 02.22.13 at 10:42

[…] Fratello Illuminato – Il blog – Liberté Egalité Fraternité  […]

#2 E' Finita-Arrendetevi on 02.22.13 at 12:22

E’ una polpetta avvelenata anche questa? Che fa sor Ceccuzzi, va avanti come se niente fosse, come ha già dichiarato in precedenza? Ma un minimo di serietà e di coscienza non ce l’ha? Ah, mi raccomandi senesi, Domenica e Lunedì e poi a Maggio, voto utile eh; rivotateli!!!! Arrendetevi, siete circondati dal popolo italiano!!!!

#3 Bastardo Senza Gloria on 02.22.13 at 15:22

A questo punto vorrei sapere quale sia al riguardo la posizione ufficiale ed il pensiero di:
Niccolò Guicciardini,
Giulio Carli,
Alessandro Mugnaioli,
Sandro Starnini,
Fabrizio Vigni,
Rosy Bindi.
Grazie.
….AH..dimenticavo una cosa. Vorrei esprimessi i vostri pensieri al riguardo con particolare attenzione ai temi da voi sempre trattati come…..etica….buona politica…..moralità….giustizia……e via discorrendo…

Leave a Comment