Ancora un’operazione trasparenza di Fratello Illuminato

criccafabbroFratello Illuminato ha molte convinzioni, alcune forse non condivisibili, altre incontestabili. Di queste ultime fanno parte sicuramente le seguenti:

1) Angelo Riccaboni occupa abusivamente il posto di rettore dell’Ateneo di Siena;

2) Angelo Riccaboni, Ines Fabbro e l’entourage (=cricca) dei due costituiscono un conglomerato di incapacità e incompetenza come raramente si trova in natura tanto da apparire creato in laboratorio;

3) Sono anche dei mentitori da competizione e degli sbruffoni che millantano di procedere speditamente sulla via del risanamento e invece devastano quel poco che c’è rimasto da devastare del martoriato Ateneo;

4) Oltretutto nascondono tutti i documenti alla visione pubblica sia quelli che denunciano la loro incompetenza e incapacità sia quelli che, sostengono loro, mettono in rilievo l’incisività della loro azione.

Altra convinzione di Fratello Illuminato è che i giornalisti locali mettono in mostra un’approssimazione e una cialtroneria imbarazzante. Cosa fanno infatti i sedicenti giornalisti? Pubblicano le smentite di Criccaboni SENZA mettere l’articolo che smentisce (e senza verificare, ovviamente, che Criccaboni smentisca a ragion veduta).

Ora: per arginare questa pericolosa e ormi assodata tendenza al groviglio armonioso di questi ambigui personaggi Fratello Illuminato entra di prepotenza nell’agone tra giornalisti del Giornale, del Fatto e i due campioni dell’insulsaggine e, con un’operazione trasparenza iniziata ieri con la pubblicazione del verbale dei Revisori dei Conti, mette online anche gli atti del bilancio previsionale al centro della polemica. Così i cittadini, che vedono sputtanare malamente una marea di soldi pubblici e leggono sui giornali (si fa per dire) di polemiche di cui non possono capire il senso, potranno farsi la loro idea e toccare con mano chi ha ragione: Meletti o il Criccaboni? Il Fatto Quotidiano o Criccaboni?

Scarica gli atti di bilancio dell’Ateneo più dissestato del mondo

Finalmente anche tu, cittadino comune o povero docente escluso dalla cricca o povero dipendente universitario sottoposto alle angherie di questi macellai potrai fare l’economista e disquisire di bilanci di enti pubblici!!! E sicuramente non potrai sparare più cazzate di quelli che si affannano a smentire questo e quello.

Ma c’è di più!!! Siccome il Criccaboni si vanta di aver ricevuto una lettera di complimenti da Grilli, vediamo se Grilli – prima di mandarla – aveva letto questo simpatico documento qui

Andamento liquidità in presenza o meno della ristrutturazione dei mutui con MPS

dal quale si evince chiaramente che con la ristrutturazione dei mutui nel 2019 vai sotto di 46 milioni, senza vai sotto di 82.

D’altro canto vogliamo ricordare, visto anche il cataclisma della banca MPS, che il Criccaboni è stato consigliere di amministrazione di Banca Toscana CONTRO il parere della Margherita locale, ma con l’endorsement di Franco Marini (la politica via dalle banche!!!) e poi consigliere di amministrazione di MPS France dove si faceva fare i bilanci con le colonne colorate perché sennò non ci capiva nulla. Con tutto il rispetto, caro Prof. Catturi, in questo caso ha proprio pisciato fuori dal vaso.

Restiamo in trepidante attesa dei seguenti documenti:

1) stato delle immatricolazioni in questo anno (aspettiamo ancora un po’ poi ce lo procuriamo da soli e lo pubblichiamo);

2) lettera di complimenti del Ministro Grilli;

3) Convenzione con Banca MPS tanto strombazzata sulla due diligence (AHAHAHAHAHAHAHAH!!!!);

4) parere favorevole del MEF e del MIUR alla ristrutturazione dei mutui;

5) parere favorevole del board della Banca al congelamento dei mutui contratti con l’Ateneo (BUAHAHAHAHAHHA!!!)

o in alternativa

LETTERA DI DIMISSIONI IRREVOCABILI DI ANGELO RICCABONI E INES FABBRO

o, ancora in alternativa

Provvedimento della Procura della Repubblica (così si ditraggono un po’ da questa estenuante maratona per il MPS) di sollevamento dai rispettivi incarichi di Rettore (abusivo) e DA (incompetente e condannata dalla Corte dei Conti).

Saluti

La redazione di Fratello Illuminato

4 comments ↓

#1 In Attesa on 02.01.13 at 19:21

In attesa dei documenti da voi citati, ma soprattutto delle due lettere di dimissioni irrevocabili (che non arriveranno mai), un grazie per l’immenso lavoro che fate.

f.to cittadino comune che paga le tasse e quindi anche lo stipendio al duo fotografato in alto

#2 Rudesindo on 02.04.13 at 01:15

In attesa dei documenti da voi citati, ma soprattutto delle due lettere di dimissioni irrevocabili (che non arriveranno mai), un grazie per l’immenso lavoro che fate.

f.to cittadino comune che paga le tasse e quindi anche lo stipendio al duo fotografato in alto, nonchè dipendente disaccessoriato dell’ateneo più dissestato d’Italia e guidato dal duo.

#3 Per la Precisione on 02.04.13 at 16:05

L’altro giorno il Rettore era ospite al Tg di RTV38, dove ha ribadito per l’ennesima volta quanto già scritto:”
Desidero inoltre sottolineare che l’indicazione della cifra di 46 milioni, quale ammontare delle perdite dell’Ateneo per il 2012, è errata. Tale cifra rappresenta l’entità del disavanzo di amministrazione al 31-12-2012, ovvero il totale dei debiti netti consolidatisi negli esercizi precedenti. La perdita di esercizio prevista per il 2013 risulta pari a 6 milioni, così come emerge anche dalla relazione dei revisori.” Nella relazione dei Revisori cè scritto: “Il budget economico prevede costi per € 196.919.651,42 e ricavi per € 190.887.818,01 con una perdita di esercizio di € 6.031.833,41, cui si aggiunge uno squilibrio del conto degli investimenti di € 7.343.764,21 e le quote di competenze dei mutui. DI FATTO il bilancio previsionale non autorizzatorio, redatto in contabilità finanziaria, cioè in modo conforme al Regolamento vigente, REGISTRA UN DISAVANZO PARI AD € 19.585.029,29”. Come la mettiamo egregio ‘Magnifico’ Rettore?

#4 E questa? on 02.05.13 at 11:46

“Il bilancio impostato in termini economici-patrimoniali viola così il vincolo del pareggio, previsto dall’articolo 11, comma 2, del RAFC (Regolamento d’Ateneo per l’Amministrazione la Finanza e la Contabilità). Anche a voler accogliere la precisazione, contenuta nella pagina 4 della relazione accompagnatoria, secondo cui nel nuovo impianto contabile al concetto di pareggio si sostituirebbe quello di equilibrio economico, si deve rimarcare uno squilibrio tra costi e ricavi. Il collegio non può inoltre valutare la sostenibilità di tale squilibrio poichè non è ancora stata predisposta la prima situazione patrimoniale dell’ente”.

Saldo Gestione Corrente:
2012: – 5.593.984 €
2013: – 13.918.067 €

Leave a Comment